lunedì 5 dicembre 2011

Arrosto di maiale al sidro ... provare per credere

(Foto © 2011 Giovy)
Questo post raggruppa una serie di paesi che hanno in comune poche, ma fondamentali, cose: l'oceano e le origini celtiche. Qui ci trovate la Costa Cantabrica, i Paesi Baschi, l'Irlanda, il Galles, la Cornovaglia. Ci potreste vedere la Bretagna come la Normandia.
Per me è sufficiente che sentiate il vento che si infrange sugli scogli, mentre siete seduti in un bristrot, in un pub, in una taverna... dove volete. Basta che sorseggiate del buonissimo Sidro di qualità.

Se c'è una cosa che ho assaggiato proprio solo una volta è il sidro. E credo di averlo assaggiato con così tanta reticenza da non riuscire a ricordarne il gusto.
Però la tendenza al sillogismo e alla supposizione tipica del mio cervello ha vinto.
Sidro = mele. A te il succo di mele piace da matti = il sidro ti piace sicuramente.
A tutto ciò ho unito il fatto che una volta avevo assaggiato un buonissimo arrosto di maiale alle mele.
Mele = Sidro. Si può fare il maiale al sidro.
Sabato sono andata dal mio macellaio di fiducia a comprare un bel pezzettone di lonza scegliendo la parte mista, perché un po' di grassino serve sempre nelle cotture lunghe perché mantiene la carne morbida in modo naturale e sanissimo.
Sono andata poi in un negozio della mia città a prendere del Sidro Blumers perché lo Strongbow sta al mondo dei sidri come la Heineken sta a quello delle birre.
I Sidri commerciali migliori sul mercato sono il Magners e il Blumers che altro non sono che la stessa cosa solo che la Blumers è il brand della Magners out of Ireland.
Dopodiche, domenica mi sono messa ai fornelli.

Occorrente per la ricetta:
  • Circa 1 kg di lonza di maiale (mista)
  • Due bottiglie (circa 1L) di Sidro 
  • Scalogno: dipende dalla grandezza, io ne ho presi 3
  • 100 g di Burro
  • 1 Mela Golden
  • 1 Mela Fuji
  • Sale e pepe q.b.
Prima di passare al procedimento vi dico che io ho aggiunto all'arrosto qualche pezzettino di luganega (si vede benissimo dalla foto). L'ho fatto perchè el chorizo al sidro è una specialità tipica dell'Euskadi ed è buonissimo mangiato con un pezzo di pane come aperitivo.
Ovviamente la luganega in una mezz'ora o poco più è cotta.

Procedimento:
Pelate, pulite e tagliuzzate le mele in pezzettini piccolini. Per evitare che diventino nere mettetele in una terrina con un po' d'acqua e qualche goccia di succo di limone.
Tritate finemente (come fa chef dire tritate finemente) lo scalogno e mettelo a soffiggere con circa 100g di burro. Lasciate che imbiondisca e poi cominciate a rosolare la carne.
Per evitare che la carne si apra troppo e che si secchi, legatela stile salame prima di cominciare a cucinarla. Così eviterete che il meglio si disperda in fase di cottura.
Nel rosolare l'arrosto, cercate di "sigillarlo" su tutti i lati. Fatta quest'operazione, aggiungete al tutto i prezzettini di mele e mescolate un po' in modo che si mixino al soffritto di scalogno.
Dopo un minuto, aggiungete tutto il sidro, tenendo da parte un goccio per voi perché il cuoco va sempre dissetato. Non dimenticate di aggiungere al tutto due o tre cucchiai di farina per aiutare l'addensamento del sugo.
Aggiustate in sale e pepe e lasciate andare l'arrosto per circa 1 ora, facendo attenzione a girarlo ogni tanto in modo che tutte le parti si lascino infondere dal sidro.
Il mio consiglio è quello di salare e pepare man mano che la cottura procede, dato che le mele non rilasciano subito il loro gusto e il loro aroma. Il pepe aiuta a smorzare il dolce della mela quindi va molto a gusti.
E' sempre meglio usare mele di due tipi: uno dolce (nel mio caso la Golden) e uno più acido e sugoso (la Fuji). Un buon abbinamento, oltre a quello usato da me, è l'accoppiata Stark-Granny Smith ... Ovvero quella rossa stile Biancaneve e quella verde che tutti conosciamo.

Dopo un'ora la mia carne era cotta alla perfezione. Di solito si cuoce un'ora per ogni kilo di carne sicché regolatevi voi con la cottura che preferite.

(Foto © 2011 Giovy)

16 commenti:

  1. Eheheh dovrei mettere un disclaimer per far leggere questi post solo a pancia piena!

    RispondiElimina
  2. @G: Io ho la pancia piena, eppure tra la foto e la descrizione della preparazione mi è tornata la fame!

    RispondiElimina
  3. @MM: allora tieniti il link di questo post per quei giorni in cui non hai appetito! :)

    RispondiElimina
  4. sei una quasi "novella" bloggher.. ti seguo volentieri! se ti và passa anche da me! un caro saluto Valeria

    RispondiElimina
  5. @Valeria: grazie per passare di qui e leggermi! :)

    RispondiElimina
  6. ...ho scelto il momento sbagliato per iniziare ad essere vegetariano XD

    RispondiElimina
  7. @Anakin: direi che le feste di natale non sono un buon momento in generale :)

    RispondiElimina
  8. Oddio, sembra buonissimo! Lo voglio assolutamente rifare!

    RispondiElimina
  9. @Claudia: buonissimo e facilissimo! Ottimo piatto per le feste natalizie! :)

    RispondiElimina
  10. saluto e tolgo il disturbo
    ;-)
    tante cose belle.
    Complimenti per il bellissimo blog, davvero ben scritto.
    Gianni

    RispondiElimina
  11. Uh ma si fanno queste cose? Mi fai vedere questi piattini a quest'ora della sera che devo ancora cenare? Mmmmh, che buono!

    RispondiElimina
  12. @SoloDinamo: grazie mille!

    @Miss Fletcher: giusto giusto per farti venire più appetito! E questa è una ricetta di carne bianca sicché piace anche a te...

    RispondiElimina
  13. Umamma che bontà!!!!! Adesso devo provarla immediatamente sta ricetta!!!! Ne approfitterò per le vacanze (se ce le avrò) di Natale
    ciao carissima!!!!!!

    RispondiElimina
  14. @Devis: prova, prova ... poi mi dici! :)

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...