mercoledì 10 ottobre 2012

Monte Alban: misteri à go-go

Monte Alban Messico
Piramide Zapoteca a Monte Alban - © Giovy 2012
 Circa una settimana fa, durante una sera di stanchezza mentale totale, sono approdata su di un programma telesivo che si chiama Enigmi Alieni.
Mi diverto, oh come mi diverto, quando arrivo a vedere trasmissioni così. Mi diverte Voyager e mi diverte Giacobbo. Ma questi di Enigmi Alieni battono ogni genere di divertimento che la mia mente possa generare.
Ho ascolta con pazienza e curiosità entrambe le puntate in onda.
Ammetto di essermi posta spesso, durante i miei viaggi, qualche domanda uguale o simile a quanto ascoltato durante Enigmi Alieni.
Mi capitò in Egitto, di fronte alle Piramidi , dove mi chiesi come potevano essere tagliati con tanta perfezione alcuni blocchi di granito davvero immensi.
Ad un certo punto della serata, un tal studioso di cose aliene ha parlato di Monte Alban.
Ed io lì ci sono stata durante il mio viaggio in Mexico anni fa.
Si tratta di un sito zapoteco a pochi kilometri da Oaxaca.
Io e la mia amica Fra ci fermammo in quella città per spezzare il viaggio da Città del Messico al Chiapas, che era in effetti un po' lunghetto.
Lessi sulla mia mitica Lonely di quanto bella e interessante fosse Oaxaca (che si legge Uacaca) e di sicuro ciò che vedemmo non tradì le nostre aspettative.
Era la seconda mattina nella città messicana e avevamo appena fatto colazione nella panetteria di fronte all'ostello dove avremmo passato qualche giorno.
La città vecchia è molto interessante (ve ne parlerò) ma quel giorno avevamo voglia di inoltrarci nei dintorni.
Trovammo proprio alla panetteria un poster di Monte Alban e chiedemmo alla commessa di quel negozietto dove si poteva prendere l'autobus per quella località.
Detto, fatto. Eravamo sull'autobus (di prende dalla stazione principale, impossibile non trovarla) che portava all'importante sito zapoteco.
Pochi pesos e passa la paura!
Passa la paura??? Pochi pesos e ti viene la paura!
La strada che va da Oaxaca a Monte Alban è a dir poco tremenda in quanto a (mancata) larghezza e strapiombi mozzafiato. Si tratta di circa 7 kilometri che vengono percorsi in circa 20 minuti o più.
Non appena l'autobus esce dalla città e si inerpica sull'altura, l'unica cosa che viene da fare è tirare un bel sospiro e rilasciare l'aria solo una volta arrivati.
Noi arrivammo sane e salve ... ma che roba!
Durante quel viaggio ne vedemmo di strade strette, difficili e pericoloso ma quella mi sa che è in testa alla classifica!
Quello che però va detto è che il luogo vale il viaggio.
La sensazione di tranquillità che provai a Monte Alban non è pari a niente, in quel viaggio in Messico.
Visitai Teotihuacan e ne gustai la magia ma a Monte Alban c'era qualcosa di diverso che non capivo.
Visitai con interesse le rovine e il museo che le precede.
Gli Zapotechi erano davvero gente straordinaria in quanto ad arte.
Il sito è nato, a varie fasi, durante i primi secoli dopo Cristo ed è costruito con una pietra chiara, tipica della zona. Io probabilmente amavo la sensazione che mi dava quel colore.
Mi sedetti sulla cima di un tempio conquistata a fatica perchè quei gradini... credetemi... non sono per nulla facili da salire e scendere.
I CentroAmericani saranno stati bassini più di me e con i piedini piccoli.
Come cavolo facevano con quei gradini a prova dei migliori menischi umani?
Forse l'Enigma Alieno sta proprio in questo e non in quella spianata sulla quale i templi sono stati costruiti.
C'è chi pensa, infatti, che Monte Alban sia stato spianato da forze aliene per permettere alle astronavi di atterrare.
Che sia vero o no, non è di questo che mi interesso.
Io mi interesso all'emozione provata quel giorno.
Se la richiamo alla mia mente mi porta subito un bel sorriso sul viso.
Non faceva troppo caldo, eravamo in pochissimi sul sito ed io stavo veramente bene.
Mi gustavo un Messico mille volte più bello di quello che mi immaginavo.
Proprio perché un viaggio è visione, sensazione, emozione.


4 commenti:

  1. Anche se il punto non è questo, nel tuo articolo, ti consiglio di leggere qualcosa di Zecharia Sitchin che parla di tutte queste cose legate alla storia antica e agli alieni ;)
    io sinceramente avrei paura di scendere per scalini così stretti penso che ruzzolerei sicuramente giù ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto proprio guardando ora un'altra puntata di Enigmi Alieni e hanno appena citato questo tipo! :)
      Per quanto riguarda gli scalini... se non sono ruzzolata io, ce la possono fare tutti.

      Elimina
  2. Detesto Voyager quanto venero il Messico... *.*
    Queste ed altre trasmissioni sarebbero capaci di trovare la presenza di alieni anche nelle maglie del mio materasso acquistato da Ikea!

    RispondiElimina
  3. Io non posso vivere senza Giacobbo. Stimola la vena ironica della mia vita.
    Ci rido troppissimo!

    RispondiElimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...