martedì 16 ottobre 2012

Quanto è bello cucinare con le Mele

Ricette con le mele
Un bel po' di Golden nella Cucina della Giovy
 L'altro giorno m'è venuta la "Melite acuta".
Già, la melite è una di quelle malattie immaginarie a cui sono soggetta più o meno spesso, come la Britannite che, aiuto, si è fatta sentire in concomitanza con la Melite.
L'unica cura per guarire dalla Melite creare una stretta vicinanza con il frutto in questione, una sorta di cooperazione che, perdonatemi la frase, dia dei buoni frutti.
La mia cooperazione si è compiuta qualche giorno fa, di domenica... perché solo in certi week end ho il tempo di trasformarmi in una rezdora provetta che cucina grandi cose.
Ho quindi creato un menù a base di Mela, dall'antipasto al dolce.
Negli stessi momenti, mentre io cucinavo, in Val di Non si stava svolgendo Pomaria ed è come se la mia mente fosse stata là.

Elencherò i piatti e qualche accenno di ricetta in ordine di preparazione perché, malgrado nel gustare un pranzo si parta sempre dall'antipasto e si arrivi al dolce, nella preparazione spesso le cose si capovolgono.
Essendo io in possesso di una cucina normalissima, sono partita dal dolce... perché di forno ce n'è uno solo e i tempi andavano ottimizzati.
Dunque, dicevamo il dolce... ovviamente il dolce di mela per eccellenza (nella mia testa): lo Strudel.
Ci sono mille ricette per lo Strudel di mele.

Nella mia non ci metto mai la cannella perché non mi piace.
Io adoro sentire dentro di me il gusto pieno delle Renette, perché solo con quelle riesce il perfetto Strudel.
Ad ogni mela il suo piatto e guai a sbagliare!

Lo Strudel appena uscito dal forno
 Per fare la pasta ho usato 300gr di farina, un 100gr di burro, un goccio di latte per redenre elastica la pasta e circa 80gr di zucchero bianco. Ho mescolato il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo e l'ho lavorato con le mani (altro che palestra!). Ho lasciato che l'impasto riposi in frigo per circa 30 minuti e nel frattempo ho tagliuzzato 4 renette. Poi ho assemblato il tutto, spennellato di tuorlo d'uovo e informato (forno ventilato - 180°) per circa 35 minuti.

E' arrivato poi il turno dell'arrosto, perché doveva cucinare per circa un'oretta. Questo è un piatto che ormai faccio spesso e trovate la mia ricetta qui. Questa volta però, ho sostituito il sidro con un bicchiere di birra artigianale e del brodo di verdure.



L'arrosto in fase di cottura
 E' arrivato poi il momento di preparare l'antipasto che consisteva in involtini di bresaola con crema di ricotta e gorgonzola con mele Fuji. La crema di ricotta e gorgy è la cosa più semplice del mondo.
Basta mescolare del gorgonzola e della ricotta a temperatura ambiente con un goccio di latte, un pizzico di sale e del pepe rosa. Tagliate a pezzettini le Fuji (andrebbero bene anche delle Granny Smith) e mescolatele alla cremina per poi farcire la bresaola e chiuderla ad involtino.
Niente di più semplice ma, credetemi, gustoso.
Il sapore della mela arriverà solo alla fine del boccone ed è davvero una sorpresa.

Involtino "in fieri"
Last but not least, il primo.
Ultimo piatto ad essere ultimato per essere portato in tavola caldo e fumante.
Si tratta di un risotto con speck, mela Golden, sfumato con una birra porter artigianale.
Un insieme di sapori che si bilanciano tra loro.
Su questo piatto non vi dico niente perché vi racconterò per bene la ricetta prossimamente (molto presto) per il contest di Alogastronomia di cui vi parlavo tempo fa.

8 commenti:

  1. WOOOOOOOOOOW chissà che bontà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì... era proprio un menù buono buonissimo :P

      Elimina
  2. Ohppebbacco!
    Te la cavi bene con l'arte culinaria.
    Ecco, le renette per lo strudel fanno da sole il 50% del successo.
    Anche altre mele "antiche" vanno bene.
    Ma non certo quelle sbobbazze chimico pompate delle golden delicious o red.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mele antiche andrebbero benissimo se non fosse difficile reperirle.
      Ma un pensiero per loro c'è sempre! :)

      Elimina
  3. attendo notizie sul risotto, sperando che si guadagni un bel premio :)
    Barbara
    reporterpercaso.com

    RispondiElimina
  4. questo tuo post capita a fagiolo.. ieri per una attività organizzata alavoro da noi per beneficenza abbiamo dovuto pelare, "de-torsolare" e tagliare circa 150 mele a testa.. insomma dalle 16:30 alle 19:00 ininterrottamente.. io adoro le mele, lo strudel (pero' con la cannella) , la tarte tatin.. ma per un po' mi sa che dopo ieri faro' a meno delle mele :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo credo! Ti saranno andate fuori dalla testa! :)

      Elimina

Benvenuto in questo mondo fatto di viaggi e di emozioni.
Siamo tanto felici se ci lasci un commento!
Gli Anonimi non ci piacciano e se ci spammi ti scateniamo contro Torchwood

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...